13 Maggio 2021 / Voce ai lettori

Gli invisibili in agricoltura

Come ogni anno sta per iniziare la campagna di raccolta di frutta e verdura nelle nostre campagne.
E’ piacevole avere sulle nostre tavole prodotti freschi e soprattutto ad un prezzo contenuto ma questa immagine tutto sommato serena nasconde, o meglio tenta di nascondere, una realtà brutta. Dietro i prodotti c’è il lavoro oscuro e spesso al limite della schiavitù degli immigrati. Una realtà di sfruttamento e di illegalità che riguarda ogni parte del paese.

© meltingpot.org

Anche nella nostra provincia il quadro è drammatico. Se è il lavoro degli immigrati a produrre il nostro cibo, quello stesso lavoro scompare dalla vista nella narrazione ufficiale. Le polemiche a Cuneo lo scorso anno traevano spunto proprio da qui.

Si chiamano lavoratori per la raccolta ma non ci si preoccupa di dove potranno dormire, lavarsi, riposare, mangiare. Siamo vigili rispetto ai nostri diritti ma volgiamo lo sguardo quando sotto i nostri occhi sfilano sfruttamento, caporalato, lavoro grigio e nero.
Sembra di risentire in un cupo sottofondo le parole di Max Frisch: “Cercavamo braccia, sono arrivati uomini”.
E sono proprio uomini quelli che vengono a lavorare per noi; non mettono in pericolo il nostro stare bene ma ne sono la condizione necessaria.

Quest’anno si è ancora in tempo. E’ importante che chi lavora abbia un posto dignitoso per vivere, che non sia costretto ad accamparsi o a dormire all’aperto. I datori di lavoro e le istituzioni devono fare la loro parte ma anche tutti noi siamo chiamati a recuperare la nostra umanità.
E’ necessario per tutti noi trovare il giusto mezzo fra xenofilia e xenofobia in quanto ambedue si nutrono di una visione gerarchizzata dell’umanità. Questa parte di umanità non è vittima del destino o di un fantomatico sistema ma è semplicemente utile al mondo ricco che, per massimizzare i profitti, ricorre ad una sorta di ” inclusione differenziale” che costruisce gerarchie all’interno degli stessi migranti e cerca , anche attraverso la creazione di illegalità funzionale, di controllare le migrazioni.

A queste donne ed a questi uomini viene negata la soggettività ridotti come sono, nella narrazione ufficiale, a vittime impotenti. La storia, quella dei “dannati della terra” ci racconta di ribellioni di lotte durissime fin dal tempo degli schiavi ( uno dei primi scioperi l’hanno fatto gli artigiani egiziani che lavoravano alle piramidi) e di conquiste importanti ma la storia ufficiale, quella che assegna a se stessa la lettera maiuscola, ignora queste vite e queste lotte.

Uno dei campi più controversi è quello del linguaggio. Le parole che usiamo rivelano la difficoltà nel nominare il fenomeno senza ricorrere a termini appesantiti dalla storia coloniale occidentale. Attraverso le parole passa il messaggio più subdolo e passa la “naturalizzazione” delle gerarchie che dividono il mondo. E’ tempo di aggiornare le analisi ed il linguaggio.
Dobbiamo smetterla con l’ipocrisia di chi costringe i lavoratori immigrati a condizioni di vita disumane per poi prendere questo a pretesto per disprezzarli.

I problemi di “ordine pubblico” si creano quando esseri umani sono costretti a vivere in modo disumano per produrre ricchezza per noi e questo è quanto è successo lo scorso anno e che non si deve più ripetere.

Gino BERTONE

Cuneo

Le nostre news sul mondo dell’agricoltura sostenibile

7 Giugno 2021 / Humus Job
Verde Vivace il colore dell’olio di Salla e Antonino
Calabria, olio extravergine d’oliva, una coppia calabro-finlandese e l’idea che il cambiamento in agricoltura passi anche dal lavoro regolare ed equo.
31 Maggio 2021 / Lavoro
La vita dei migranti tra campi e questure
Quali sono le conseguenze del lavoro irregolare per gli stranieri? Il circolo vizioso che attanaglia l'umanità dei migranti tra lavoro e documenti.
24 Maggio 2021 / Rete
“Chi fa da sé fa per tre” o “L’unione fa la forza” ?
Dall'approccio ingegneristico origina il modello economico competitivo, da quello etico il modello cooperativo. E' possibile emanciparsi dalle logiche egoistiche del mero profitto e favorire un’economia partecipata e socialmente equa?
17 Maggio 2021 / Humus Job / Rete
L’Alveare che dice Sì! a Humus Job
Una sinergia tra realtà diverse - ma unite da visioni comuni - che amplifica la portata delle singole azioni nel perseguimento di un obiettivo condiviso: creare una filiera corta ed etica per i lavoratori, i produttori e i consumatori.
10 Maggio 2021 / Lavoro
Lavoro equo e regolare: piccoli passi di consapevolezza
Cause e conseguenze del lavoro irregolare sui lavoratori e sulle aziende agricole in Italia.
3 Maggio 2021 / Rete
La Rete d’impresa di Humus Job: respiro nazionale e organizzazione territoriale
Un contratto di rete per aumentare la sostenibilità delle piccole e medie aziende agricole e contrastare lavoro grigio, nero e caporalato.
29 Aprile 2021 / Lavoro
Articolo 1 della Costituzione Italiana: l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro.
Il 1° maggio è la festa dei lavoratori: una data simbolica per tutte le lotte, passate e attuali, per il riconoscimento dei diritti e della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori.
28 Aprile 2021 / Rete
Seminare Comunità: un piccolo seme pronto a crescere
Finanziato da Fondazione Finanza Etica, un progetto che parte dall'agricoltura per creare nuove comunità a presidio dei territori montani.
26 Aprile 2021 / Humus Job / Lavoro
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori. Parte 2
La storia di Humus Job: esperienza e nuovi incontri, e un modello innovativo per un cambiamento sostenibile in agricoltura.
23 Aprile 2021 / Rete
Reti d’impresa agricole: strumenti per aumentare la sostenibilità.
Un modello per raggiungere obiettivi comuni ancora poco utilizzato. Molteplici vantaggi per una crescita sostenibile.
20 Aprile 2021 / Humus Job
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori. Parte 1
2 anni di Humus Job e il modello di agricoltura in rete per contrastare il lavoro irregolare nei campi e favorire la sostenibilità economica e sociale per le aziende.
15 Aprile 2021 / Lavoro
Come e perché è nata la legge sul caporalato
Come e perché è nata la Legge sul Caporalato. Le battaglie dei braccianti e i morti per sfruttamento in agricoltura che hanno portato alla nascita della Legge sul Caporalato nel 2016 in Italia.
2 Aprile 2021 / Lavoro
Lo sfruttamento a colori, dal lavoro nero al lavoro grigio
Il lavoro irregolare nel settore agricolo italiano e il ruolo della filiera agroalimentare

Se hai dei dubbi puoi scrivere o parlare con lo staff di Humus Job.